numero verde: 800 222 111

Ti trovi in: Ancona
Ancona - Il porto antico di Ancona
Family Cultura Giovani
Marche in Blu The Genius of Marche
Veduta dell'arco di Traiano ad Ancona I Dori fondarono la città di Ancona nel 387 a.c.; si fermarono in questo luogo per le possibilità che il porto naturale offriva. La costa infatti forma un gomito, da cui il nome Ancona (Ankon, in lingua greca gomito), che offre un riparo naturale dal mare. Già nel III secolo a.C. il golfo era usato dai Piceni per gli scambi commerciali con i Greci.
Il porto greco non corrisponde esattamente a quello attuale, ma, secondo la tradizione storiografica, al bacino, molto più ridotto, occupato oggi dall'area di costruzione e alaggio delle navi del Cantiere navale, facente parte dei Cantieri Navali Riuniti - C.N.R. della Fincantieri. Nel periodo romano il porto fu notevolmente ampliato, grazie all'imperatore Traiano, che ordinò la costruzione del primo tratto dell'attuale Molo Nord. Per ricordare quest'opera, che rendeva più sicuro l'accesso all'Italia, il Senato e il popolo romano fecero costruire nell'area portuale l'Arco di Traiano, presumibilmente opera dell'architetto di fiducia dell'imperatore, Apollodoro di Damasco, eretto intorno al 100 d.C. I Saraceni durante i loro saccheggi alla città avvenuti nel IX secolo danneggiarono anche il porto e razziarono le statue in bronzo dorato presenti sull'Arco di Traiano.
Dall'XI secolo, nel periodo del libero comune e della repubblica marinara, il porto fu ricostruito e fortificato, inglobando la parte dell'area del porto attuale che va dalla Lanterna agli scogli (oggi sotto le banchine portuali) sottostanti il colle Astagno. L'Ancona medievale si sviluppò parallelamente al fronte portuale, nell'area compresa tra il colle Guasco, dominato dal Duomo di San Ciriaco, ed il colle Astagno, dominato dal convento e dalla Chiesa di San Francesco ad Alto, dov'era collocata la Porta Capodimonte, principale via d'accesso da terra alla città.
Fra il XIII ed il XIV secolo Ancona e Ragusa, alleate tra loro, furono tra i porti più importanti dell'Adriatico, secondi solo a Venezia, che fu avversaria tenace di entrambi. Nei secoli successivi, con la scoperta dell'America e lo spostamento dei traffici dal Mediterraneo all'Atlantico, il porto subì un drastico declino.
La ripresa avvenne nel 1732, quando Papa Clemente XII concesse alla città il porto franco e finanziò le opere di ampliamento e ristrutturazione del porto, con la realizzazione di tre opere importanti: il Molo Clementino, prolungamento dell'antico molo di Traiano; un nuovo lazzaretto, su una grande isola artificiale appositamente realizzata; una nuova porta di accesso alla città dal porto: l'Arco Clementino. Queste opere, che furono alla base della rinascita del porto e di un nuovo periodo di floridi traffici, furono commissionate dal pontefice all'architetto Luigi Vanvitelli.

Il percorso pedonale del porto antico inizia da Porta S. Primiano e può essere agevolmente raggiunto a piedi da Lungomare Vanvitelli, attraverso il ponte pedonale sovrastante gli scavi del porto traianeo.
Il segnale rosso disegnato sul manto stradale fornisce un'indicazione di viaggio: il visitatore è invitato a seguire un percorso segnato dalle tappe più significative della storia, dalle mura storiche alle rovine del porto romano, dall’Arco di Traiano all’ Arco Clementino, fino al basamento della Lanterna.

L'area è stata inoltre impreziosita da un'opera unica e straordinaria, la fontana realizzata da Enzo Cucchi, l’unica dell’artista situata in un porto. Enzo Cucchi, di origini marchigiane, è diventato famoso a livello internazionale a partire dagli anni Ottanta come uno degli artisti più visionari tra gli esponenti della Transavanguardia. Essa funge da opera di sintesi tra il passato, il presente ed il futuro rappresentati dall’acqua, dai principali monumenti della città e dall’innovativa creazione.

Vedi anche:


Servizi:

Nel 2017 servizio di trasporto pubblico gratuito per il Porto Antico, dalle ore 19.30 alle ore 23.30, dal venerdi alla domenica, a partire dal 16 giugno e con una frequenza di corse ogni 10 minuti.

Dall’8 luglio e fino al 27 agosto, il medesimo servizio sarà esteso a tutti i giorni della settimana, sempre a partire dalle 19.30, per chi voglia recarsi al Porto Antico.

Le fermate, opportunamente segnalate e con i relativi orari di servizio, saranno presso il Molo S. Maria (piazzale antistante l’Autorità di Sistema) e nello spazio ricompreso tra l’Arco Traiano e l’Arco Clementino.

I bus navetta sono accessibili anche ai disabili.


Info:

Indirizzo:
Largo XXIV Maggio 1
Comune:
Ancona
Telefono:
071 2221
Email:
Sito web:


Photogallery:

  • Scorcio dell'Arco di Traiano con la Cattedrale di San Ciriaco in lontananza

Indietro

Richiesta informazioni - Ancona - Il porto antico di Ancona

(* campi obbligatori)
Dati Personali
 
 
Informazioni viaggio
Per adulti e bambini di età


 

   

Ai sensi dell'articolo 13 del codice della privacy (Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196), La informiamo che il trattamento dei dati fornitici avverrà con correttezza, liceità e trasparenza e tutelando la sua riservatezza ed i suoi diritti. I dati personali da Lei forniti sono raccolti con modalità telematiche e trattati, anche con l'ausilio di mezzi elettronici, direttamente per soddisfare la Sua richiesta e, eventualmente, completare la prenotazione e per finalità connesse: - alla richiesta di informazioni e/o segnalazioni anche mediante l'utilizzo di posta elettronica - invio di segnalazioni mediante l'utilizzo della posta elettronica. I Suoi dati potranno essere oggetto di comunicazione ai soggetti cui la facoltà di accedere a detti dati sia riconosciuta per disposizioni di legge ed ai soggetti ai quali il trasferimento sia necessario o funzionale per la resa dei servizi da Lei richiesti. Per qualsiasi ulteriore informazione e per fare valere i diritti a Lei riconosciuti dall'articolo 7 del codice della privacy potrà rivolgersi al titolare del trattamento.

PRENOTA

SCARICA LE NOSTRE APP

EVENTI

BLOG

MARCHEADVISOR

Contatti